• Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • Google+ - White Circle
  • LinkedIn - White Circle
  • YouTube - White Circle

Francesco Lagori S.a.s - via Gerolamo Morone 3 (M3 Montenapoleone) - 20121 Milano - tel. 0039 028692876 - info@francescolagori.it

Sostenibilità

 

La pelliccia è naturale, bella e durevole: se trattata con cura resterà in condizioni ottimali per molti e molti anni. A differenza di altri materiali del settore tessile, i capi in pelliccia possono essere tagliati nuovamente e trasformati  seguendo l’evoluzione della moda. La pelliccia è uno dei pochi capi di abbigliamento che vengono tramandati e spesso utilizzati da due o persino tre generazioni.

 

La pelliccia sintetica invece è generalmente costituita da derivati del petrolio, una risorsa non rinnovabile. La produzione, il trasporto e lo smaltimento delle sostanze petrolchimiche può causare importanti problemi ambientali. Come altre materie plastiche, questi materiali non si decompongono facilmente e restano nelle discariche per secoli.

 

2/3 di tutti gli animali europei allevati per la loro pelliccia sono utilizzati al 100%

 

La preparazione, la concia e la tintura delle pelli sono procedure non aggressive che devono preservare la qualità del pelo e la robustezza della pelle.

 

I principali agenti chimici utilizzati sono prodotti relativamente comuni quali: sale da cucina, acqua, sali di alluminio, soda, segatura, amido di mais, lanolina e altre sostanze naturali. I controlli per la tutela dell’ambiente garantiscono che non ci siano effluenti nocivi.

 

Il commercio delle pellicce mira all’utilizzo completo dell’animale. In Europa ad esempio questo riguarda quasi il 70% della produzione di pellicce, con l’obiettivo di arrivare al 100%.  Agnellino, persiano, capra ma anche visone usato per carne di seconda scelta sono alcuni esempi di  animali che vengono totalmente utilizzati per produrre cibo.

Inoltre si tende a scartare sempre meno del animale utilizzandolo per produrre benzina ecologica, energia rinnovabile e anche cemento.

 

Per maggiori informazioni circa la sostenibilità di questo settore, cliccate qui:  

 

Fur Europe 

We are Fur

Truth About Fur

  

 

 

 

 

 

 
 

STANDARD E REGOLAMENTI

 

L’industria delle pellicce è fortemente regolamentata, molto più di quella alimentare: dal benessere degli animali negli allevamenti, all’utilizzo di metodi di cattura che non causino inutili sofferenze e all’uso di sostanze chimiche nella lavorazione delle pelli.

 

Il benessere dell’animale è la prima priorità per l’industria delle pellicce. Gli allevamenti sono oggetto della legislazione nazionale o regionale che prevede parametri del benessere animale basati sulla ricerca scientifica indipendente. Vengono quindi regolamentati fattori quali: la tutela dell’animale, lo stato di salute e la stabulazione, l’accudimento, l’accesso al cibo e all’acqua, la dimensione delle gabbie, il trasporto e l’eutanasia. regole molto più severe rispetto a quelle adottate per gli animali allevati esclusivamente per l’industria del cibo, come cavalli, mucche, maiali, o polli.

 

In Nord America e in Russia, principali produttori di pelli provenienti da animali selvatici, gli animali da pelliccia sono catturati o cacciati secondo standard internazionali e nel rispetto di rigide quote stabilite dagli organi governativi o dai singoli stati a tutela dell’ambiente, che hanno lo scopo di mantenere le popolazioni a livelli sani per la salvaguardia degli ecosistemi. 

 

Il commercio internazionale delle pellicce sostiene pienamente la convenzione CITES che protegge le specie animali in pericolo. L’International Fur Federation (IFF) è da tempo un membro con diritto di voto dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura www.iucn.org    

 

Tutti i membri dell’IFF hanno volontariamente aderito ad un codice di condotta internazionale:

Clicca qui per maggiori informazioni

 

 

QUALITÀ DELLE PELLICCE LAGORI

 

 

L’acquisto di un capo in pelliccia costituisce un investimento di natura economica e affettiva; in quanto tale dovrebbe garantire una durata pluriennale. Per questo è necessario partire da pelli di altissima qualità.

 

Essendo un materiale naturale, la qualità della pelliccia testimonia il modo in cui essa è stata prodotta. Un’ottima qualità deriva semplicemente da un alto livello di benessere dell’animale: da animali sani e ben tenuti si otterranno le pellicce migliori.

E le pellicce migliori offrono un’incredibile esperienza visiva e tattile.

 

La qualità della pelliccia si misura in funzione di numerosi fattori quali: densità del sottovello, densità e lunghezza dei peli di giarra, setosità al tatto e robustezza dei peli stessi.

 

Le pelli sono classificate da ispettori altamente qualificati, sulla base di una serie di parametri specifici:

 tipo di pelliccia, sesso, dimensioni della pelle, colore, qualità e tonalità (clarity).